Ecco come funziona l’ultimo miglio

La Posta offre di più



Ritiro di materiale da riciclare, consegna di prodotti freschi e un proprio servizio di lettura dei contatori: attualmente la Posta offre ai propri clienti numerose prestazioni aggiuntive, che vanno ben oltre il normale recapito di lettere e pacchi. Geneviève Wüthrich, responsabile del Settore di attività complementari Ultimo miglio e Business Solutions della Posta afferma: «Le competenze chiave dei postini e delle postine consistono in particolare nel «ritirare» e nel «portare». Nell’ambito delle nuove prestazioni il nostro obiettivo è sempre semplificare la vita dei nostri clienti».

 

Nadine Strub è una delle clienti che usufruisce con piacere della variegata offerta complementare. Le abbiamo fatto visita a casa sua e parlato con lei dei servizi della Posta. 

La incontriamo proprio mentre sta depositando il suo sacco del PET accanto alla cassetta delle lettere. Nadine usufruisce da circa due anni delle prestazioni complementari della Posta, la più recente delle quali è il ritiro delle bottiglie in PET direttamente davanti alla porta di casa. 

 

«Tutto è iniziato con la raccomandazione di un’amica, che era entusiasta di questa soluzione», ci racconta, «Mi ha spiegato come fosse facile riciclare in modo sostenibile le sue capsule Nespresso. Ho voluto provarla subito anche io».

 

Nel frattempo Nadine utilizza anche altre prestazioni. Il più grande vantaggio dal suo punto di vista? Può fare un sacco di cose semplicemente dalla cassetta delle lettere, risparmiando così molto tempo. 

Lettura del contatore

 

Tra le numerose prestazioni complementari figurano la consegna di prodotti freschi, quali uova, verdura e pane dalla regione, e il ritiro di sacchi per la raccolta di bottiglie PET, capsule Nespresso usate e apparecchi Swisscom difettosi. E il postino può persino leggere i contatori di elettricità, acqua e gas in tutta semplicità tramite un’app durante il proprio giro di recapito giornaliero.



 

Il riciclo è un gioco da ragazzi 


Nadine Strub ci spiega che lei apprezza particolarmente le prestazioni nel settore del riciclo: «Non dover portare le bottiglie in PET vuote o le capsule usate presso un punto di raccolta mi consente di evitare il tragitto e mi fa risparmiare tempo. In questo modo il riciclo diventa un gioco da ragazzi».

 

Cosa desidera provare ancora in futuro Nadine Strub? «Sicuramente il pane per posta! E non vedo l’ora di scoprire quali altri nuovi servizi tirerà fuori la Posta dal cilindro magico, in particolare nell’ambito del riciclo». 

 

Nadine Strub si avvale già di alcune delle nuove prestazioni della Posta. E lei? Ha osservazioni o proposte di miglioramento? Oppure idee per nuove prestazioni? Non esiti a compilare il modulo!